I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

 

SUDAMERICANA 2017!

Dal 14 Gennaio 2017 al 26 Aprile 2017

Argentina, Paraguay, Brasile, Guyana, Suriname, Guyana Francese

LE GUYANE Seconda Parte: GUYANA FRANCESE, NORD-EST BRASILE

Dal 15 Marzo al 16 Aprile  2017

 

 

...... SEGUE da LE GUYANE Prima Parte

 

 

 

 

GUYANA FRANCESE

 

Si parla francese, ma tanti parlano inglese e spagnolo. Più cara degli altri stati, (la moneta circolante è l'euro) soprattutto per quanto riguarda spostamenti e alloggi. Guida a destra e prese della corrente a due spinotti come in Italia.

 

Sono ad Albina, un piccolo paese del Suriname, al confine con la Guyana Francese. C'è un fiume che separa i due Stati: il Maroni. Prima di trovare un barcaiolo per attraversarlo, devi mettere il timbro di uscita dal Suriname.

Io ho pagato 25 SD (dollari del Suriname) per i 5 minuti di traversata. Arrivato in Guyana francese, metto il timbro di entrata e mi avvio verso la fermata dei taxi collettivi. Inizio a capire che non sarà facile trovare dei mezzi. C'è un bus di traverso a bloccare la strada. Mi consigliano caldamente di tornare in Suriname, a Paramaribo, e di prendere un volo per il Brasile, siokgrazieperilconsigliomaresto!! C'è uno sciopero generale, le strade sono bloccate, passano solo polizia ed ambulanze. Bisogna aspettare le 18 per provare a capire se riapriranno le strade.

 

Aspettando la riapertura delle strade!

 

Alle 18 trovo un taxi che mi chiede 160 euro fino a Cayenne, siamo in 4. Invece strada facendo decido di fermarmi a Kourou, devo provare a raggiungere Ile du Salut, isola che ha ospitato il carcere del mitico fuggiasco francese:"Papillon"!

Dopo varie fermate ai vari posti di blocco arriviamo a Kourou alle 21.

 

Alloggio a Kourou: Gite Baobab, Rue Edjide Duchesne 10. 65 euro la doppia. Ottima stanza con cucina. C'è una piscina comunitaria proprio difronte alle stanze. Ottima soluzione perchè si trova a 300mt dal piccolo porto da dove partono le imbarcazioni per L'Ile du Salut. Bisogna essere al porto alle 7.45, 43 euro a testa andata e ritorno, 1 ora abbondante per la traversata. L'isola più grande delle 3 è Ile Royal, dove c'è anche un Hotel. Si può dormire in amaca nelle vecchie galere francesi, 12,40 euro a notte.

 

Notte passata in amaca nelle vecchie galere francesi dell'"Ile du Salut"

 

L'Isola è piccola ma piena di animali e palme, si vedono le altre isole dalla spettacolare veranda del ristorante. Portati acqua e cibo, se vuoi risparmiare, altrimenti puoi sempre usufruire del ristorante, cena con antipasto, piatto principale e dolce, il tutto a 27 euro.

Partenza della barca ore 8.30 rientro ore 16. Tutti i giorni, tranne quando c'è mare agitato.

 

Vista dalla terrazza del ristorante dell'isola principale: Ile Royal

 

Rientriamo a Kourou dopo una notte in amaca sull'isola Royal, ci sono parecchie zanzare di notte, ti serviranno pantaloni lunghi e felpa!

Il problema dello sciopero non s'è ancora risolto, però è arrivato il ministro francese.... vediamo cosa succederà, nel frattempo ci fermiamo allo stesso B&B dell'andata e ci tuffiamo in piscina!!

 

Il pittoresco cimitero di Kourou al tramonto

 

Il giorno seguente ci sono ancora le strade bloccate e quindi la nostra visita al centro spaziale salta, peccato!! Alle ore 18, orario in cui dovrebbero riaprire le strade alla circolazione, il propietario del B&B ci accompagna al primo posto di blocco. Attraversiamo a piedi gli sbarramenti e ci mettiamo a fare autostop... direzione Caienne. Dopo 30 minuti si ferma un'auto, mi chiede 30 euro a persona, inizia la contrattazione. Alla fine spunto 30 euro in 2! In 1 ora siamo a Caienne nel nostro hotel.

 

Alloggio a Caienne: Hotel Ket Tai, 72 Blvr Jubelin. Discreto, buon prezzo, 60 euro la doppia. Ben posizionata a 500mt dal centro. Proprietario molto disponibile, avrò fatto 6-7 telefonate dal suo cellulare, gratis!

 

Inizio a capire che lo scioperò durerà a lungo e che la situazione si potrebbe inasprire. Prima di prendere la stanza cerco di trovare un'auto che ci accompagni al confine, ma dopo un giro di chiamate e, dopo aver parlato con vari personaggi che si affacciano in hotel, desisto, a nanna!

 

Immanigini trasmesse in TV dall'emittente nazionale

 

Il giorno dopo facciamo un breve giro in città: mercato municipale, le due piazze che si trovano lì in centro e passiamo anche dal Palazzo del Governo.... Oggi c'è poca gente a protestare, ieri erano a migliaia! Riconosciamo il signore che ci aveva dato il passaggio il giorno prima e gli chiediamo se può accompagnarci oggi a Saint George, al confine con il Brasile, dopo le famose 18, orario in cui riaprono le strade al pubblico! Il sig. Chinot ci pensa, ci scambiamo i numeri e gli comunichiamo in quale hotel alloggiamo. Rientriamo in hotel, sono le 12, la signora della reception dice che c'è un messaggio per noi da parte del Sig. Chinot: chiamate questo numero 0694165678 (un'altra agenzia di trasporti: Ferdinando 0694-411217 o 0594-257406). Chiamo subito. Il nuovo autista mi comunica che riapriranno gli sbarramenti alle 14, si parte!! Ma alle 14, arriva il nostro nuovo autista in hotel, e ci comunica che la riapertura del blocco è prevista per le 22!! Malissimo! Gli chiedo di passare in hotel alle 18 e di andare insieme ai blocchi per avere informazioni aggiornate e dettagliate!! Così facendo saremmo entrati nel minivan e non saremmo più scesi... in modo tale da non perdere questa occasione! Alle 18 arriva l'autista, saliamo in auto, andiamo a prendere altri passeggeri, 5 in tutto, e ci dirigiamo al blocco alle ore 20..... niente da fare, bisogna aspettare le 22. Ore 21.45, riusciamo a superare i blocchi, finalmente!! Arriviamo a Saint George a mezzanotte, dopo una corsa allucinante!! Pago 45 euro a testa e subito ci dobbiamo imbarcare per raggiungere la sponda brasiliana: c'è il fiume Oyapock che separa il Brasile dalla Guyana Francese. Per fortuna la Guyana Francese fa parte della comunità europea e quindi possiamo anche non mettere il timbro di uscita!! Il trasbordo in barca dura 15 minuti, 20 reais. Sembriamo dei profughi in fuga, la barca si muove di notte, senza luci. Nessuno oltre noi. Arriviamo in Brasile, l'umore sale, che avventura!! Proprio difronte al piccolo molo si trova un fetiscente hotel, angusto ma economico!!

 

Il fiume Oyapock

 

 

 

BRASILE

 

Alloggio ad Oiapoque: Hotel Kayama. 60 reais la doppia. Sporchino, stanze piccole, ma ben posizionato. Cambio 1 euro = 3,3 reais

 

La mattina successiva andiamo a farci mettere il visto sul passaporto, preleviamo 1000 reais tramite il bancomat della banca Bradesco, colazione e via a prenotare i biglietti per Macapà. La rodoviaria si trova a 1,7km dal nostro hotel. In stazione si prospettano 2 soluzioni: muoversi in jeep di giorno al prezzo di 150 reais, 9 ore (passano a prenderti dal tuo hotel e ti lasciano dove vuoi alla destinazione), oppure in bus alle ore 12, 17, 18, 115 reais, 12-16 ore. C'è una variabile di 4 ore in bus perchè nel periodo delle piogge, ovvero questo, la strada diventa un tantino impraticabile.

 

Camion impantanati sulla strada che porta a Macapà

 

Noi scegliamo chiaramente il bus delle 17, perchè quello delle 18, di un'altra compagnia, è stato soppresso per condizioni meteo avverse. In questo modo passeremo anche la notte in bus senza pagare la notte in hotel.

Mangiamo nelle baracchine difronte al nostro hotel per soli 12 reais ed alle 16.15 cerco un taxi per andare alla rodoviaria, 15 reais, 5 minuti.

Partiamo con 1 ora di ritardo, la strada è accidentata, ci fermiamo un paio di volte perchè non si riesce a proseguire. Copriamo la distanza di 550 km in 13 ore. Arriviamo alle 7 di mattina. Aspettiamo le 9 per recarci al nostro prossimo alloggio. Vado a cercare un taxi, 15 reais, 10 minuti.

 

Alloggio a Macapà: Hotel San Martin, Av. Marcilio Diaz 1395, +559632231522. 174 reais la doppia. Wifi, piscina, bbq, colazione. Ci hanno permesso di fare colazione anche la mattina stessa che siamo arrivati in hotel, chiedere chiedere chiedere!! Ottima posizione, a 4 km dalla rodoviaria e a 2km dall'aereoporto. Se cerchi un tassista onesto, chiama Pedro: 992004188

 

Dopo colazione, piscina e una bella grigliata pomeridiana andiamo in centro a piedi. La fortezza, centro della città, si trova a 4,5km dall'hotel. E' domenica c'è tantissima gente in giro. Rientriamo in taxi 15 reais, 15 minuti.

La mattina ci rechiamo in taxi in aeroporto, 10 reais, 5 minuti.

Doppio volo ed arriviamo a Sao Luis do Maranao alle 14.30. On-line ho trovato questa agenzia che opera dall'aeroporto di Sao Luis a Barreirinhas, Tigre trasporti, +55(98)996113331 anche whatapp su questo numero, +55(98)991813105, +55(98)983088051. Il prezzo è di 60 reais a persona, 4 ore. L'autobus ci lascia al nostro B&B.

 

Alloggio a Barreirinhas: Cama, Cafè e Aventura, Cincinato Ribeiro Rego 350. 90 reais la doppia con colazione, bagno in comune. Cucina disponibile. Wi-fi. Alloggio sufficiente ma il proprietario, Alexandri, organizza tour poco battuti a prezzi onesti. Inoltre è disponibilissimo e vive a Barreirinhas da diversi anni. Si trova a 1,5km dal centro ma a ridosso del fiume. Il proprietario ha una piccola barca, capacità 4, massimo 6 persone.

 

Il primo giorno, con una coppia di francesi che alloggiavano nello stesso ostello, siamo andati in barca con Alexandri ad una spiaggetta lì vicino. Abbiamo portato con noi la tavola per fare SAP, ed inoltre abbiamo partecipato all'interessante spiegazione concernente la produzione della farofa e di altri derivati della mandioca. 30 reais l'escursione e 5 la visita. Alle 12 siamo rientrati, abbiamo mangiato in pousada, pranzo incluso nell'escursione.

Alle 14 una camioneta 4x4 è passata a prenderci per portarci al tour della laguna Azul, 50 reais rientro alle 19. Classico tour nel parco naturale delle Lencois. Bello, tramonto nel parco sulle dune.

 

Le famose "Lencois do Maranhao"

 

Lencois

 

Lencois

 

Il giorno dopo abbiamo fatto un tour ad Atins con Alexandri e la coppia di amici francesi, in barca.

Bella giornata!! 80 reais dalle 8 di mattina fino alle 17. Dopo 40 minuti di barca, bellissimo il paesaggio, abbiamo fatto un fantastico minitrek sulle dune dorate che si trovano prima di Atins, nessuno in giro, perfetto. Dopo siamo andati ad Atins ed abbiamo mangiato nel più antico ristorante del paesello.... pesce Dorado, ottimo a 25 reais a testa con insalata, fagioli e riso. Imperdibile! Dopo siamo andati a vedere un faro che si trova in un'altra cittadina che si affaccia sul fiume. Il tour prevedeva anche una sosta in spiaggia ma il brutto tempo ci ha fatto rientrare un pò prima.

 

Le famose scimmiette che popolano la zona, occhio al cibo!

 

Le lencois dorate nei pressi di Atins

 

Le lencois dorate nei pressi di Atins

 

Oggi lungo trasferimento per Jericoacoara (chiamata "Jeri" dai nativi). Si potrebbe optare per un transfert comodo ma costoso: 250 reais in jeep da Barreirinhas a Jeri, diretto, oppure fare il classico viaggio dei viaggiatori!!Eccolo qui...

La mattina seguente Alexandri ha chiamato il tipo che ci avrebbe accompagnato a Tutoia, strada sabbiosa 20 reais, 1 ora. Da Tutoia a Parnaiba siamo andati in auto con Bibiu 03198987117259, 50 reais, 2 ore. Da Parnaiba c'è un bus che va a Barroquinha parte alle 14, 16 reais, 2 ore. Oppure aspetta il bus delle 19 che va direttamente a Camocin. Da Barroquinha partono spesso dei minivan che vanno a Camocin, 6 reais, 30 minuti. Dalla stazione di Camocin partono i bus che vanno a Jijioca e poi a Jeri, 48 reais, 3 ore. Alle ore 7, 11.30, 16, 23. Solo i bus delle 11.30 e delle 23 hanno la connessione diretta per Jeri. Puoi prendere quello delle 7 anche a Jijoca ed aspettare che si riempia un taxi collettivo per Jeri, 20 reais, 1 ora. Se dirai di essere "moradores", ovvero abitante del posto, pagherai solo 10-15 reais.

 

Alloggio a Camocin: Hotel Tropical, Rua Marechal Deodoro 152. 35 reais la singola con colazione. Ottimo rapporto qualità prezzo. A 4 isolati dalla stazione dei bus. Buona colazione.

 

Il paesino si affaccia sul fiume e sul mare con spiagge carine, buona vita notturna nei week-end.

La sera appena arrivato e sistemato in hotel vado a prendere i biglietti per Jeri per il giorno dopo, siamo sotto Pasqua ed i week-end a Jeri sono gettonatissimi.

Bus delle 11,30 per Jijoca, 15 reais, 1 ora e 30 minuti.

 

Alloggio a Jericoacoara: Pousadas La Dolce Vita. Nuova pousadas che ho trovato su AirB&B. 90 reais la singola 110 la doppia. Ottima colazione, wifi, TV, bagno in camera con acqua calda e la piscina sarà pronta a breve. Si trova su Rua Das Dunas, vicino al centro, 300mt dalla spiaggia in una via tranquilla per un perfetto riposo notturno.

 

La spiaggia di Jeri al tramonto

 

A Jeri potrai effettuare tantissime escursioni a pagamento. Senza tour puoi raggiungere la famosa "Pedra Forada", un arco di pietra simbolo di Jeri, devi seguire la spiaggia verso est per 30 minuti. Altro momento imperdibile della giornata: aspettare il tramonto sulla grande duna adiacente alla spiaggia principale.

 

Prossima destinazione: Icaraì. Da jeri ho prenotato una jeep collettiva per Jijoca, 15 reais 1 ora, e alle 15.30 ho preso un bus della Fretcar che mi ha lasciato ad Amontada, 2 ore e 30 minuti, 18 reais. Da qui un bus per Icaraì, 6 reais, 50 minuti. Sono arrivato di sera verso le 19. Tutte le pousadas costano, in alta stagione non avrai scampo. In bassa invece... Contrattando e non cedendo alla prima offerta, ho trovato un'ottima sistemazione:

 

Alloggio a Icaraì: Pousadas Manguezal, Rua Francisco Gongalves de Souza, 50 reais la singola, wifi, bagno, a 30mt dal mare. Ho conquistato anche una colazione con pane e caffè nella adiacente casa dei proprietari.

 

Il paesino di Icaraì è piccolo ma la spiaggia larga e piena di palme è deliziosa!!

Mi sono rilassato, a breve rientrerò a casa, in Italia. Verso la fine dei miei viaggi sempre cerco dei luoghi non affollati quindi piccoli, carini ed ad un passo dal mare!

 

Tramonto ad Icaraì

 

Da Icaraì c'è un bus che parte la mattina alle 6,30 diretto per Fortaleza. Ho deciso di prendere un minivan per Amontada, ore 12,30, si ferma ovunque sulla strada e passa proprio davanti alla mia pousadas, 8 reais, 45 minuti. Da qui ho preso un altro bus per Fortaleza, ce ne sono diversi, ho preso quello delle 15 perchè più economico, 20 reais, 3 ore.

Il bus mi ha lasciato alla grande rodoviaria di Fortaleza, Tomoè, dove alle ore 22 avrei dovuto prendere il mio successivo bus notturno per Natal, 75 reais, 9 ore.

Arrivo all'unica rodoviaria di Natal. Da qui ho preso il bus n.66 per Ponta Negra, l'unica vera zona turistica di Natal.

 

Alloggio a Ponta Negra, Natal: Republika Hostel, Rua Porto das Oficina 8944. 40 reais con una buona colazione inclusa, wifi, camerate da 4 con bagno. Si trova a 500mt dalla bella e affollata spiaggia di Ponta Negra. Buono.

 

Con una guida locale italiana, nonchè mio amico, Marco Garavello, abbiamo noleggiato un'auto, 70 reais al giorno, per 3 giorni. (Mano Mano rent a car, Av. Erivan Franca n.153, Ponta Negra; +55 84 999461236). Il mio amico ha un'agenzia di turismo a Ponta Negra, lui organizza diverse escursioni originali, fuori dal turismo di massa, in diverse zone del Brasile e del Perù. Se sei interessato visita il suo sito: www.hermesecoturismo.com

Se arrivi a Fortaleza e vuoi andare a Natal c'è la bellissima escursione in bugy che organizza il mio amico Marco di 3 notti 4 giorni!! Da non perdere. Anche se sei a Natal e vuoi raggiungere Fortaleza, basta mettersi d'accordo con lui via email.

 

Alle 9, con l'auto a noleggio, siamo andati alla famosa duna di Genipabu a 20km a nord di Natal sulla costa; a seguire, continuando in direzione nord, siamo arrivati al lago Jacumà. A metà strada dovrai attraversare la balsa (piccolo fiume) con i barcaioli locali, 5 minuti, 18 reais. Arrivare alla laguna di Jacumà non è semplice per chi non è della zona. Dopo abbiamo fatto un bagno alla spiaggia di Perobas e pranzato fronte mare sulla spiaggia di Carnaubinha. Da qui siamo andati alla famosa città di Sao Miguel do Gostoso: per gli amanti del Kitesurf è un must.

 

Alloggio a Sao Miguel do Gostoso: Pousadas Ilha do Vento, Rua Caraunas 70, subito dopo il primo benzinaio a sinistra. 150 reais la doppia. Bellissima pousadas con ottima colazione e parcheggio.

 

La mattina ti consiglio di andare a Praia de Tourinhos ad 8 km a nord! Qui potrai mangiare dell'ottimo pesce fresco a prezzi imbattibili in una delle piccole baracche fronte mare!

 

La desolata ed affascinante spiaggia di "Tourinhos", nei pressi di Sao Miguel do Gostoso

 

Alle 12, siamo partiti in direzione Galinhos, 180km 3 ore. Prima di arrivare a Galinhos devi lasciare l'auto in un parcheggio ed aspettare la barchetta che ti porterà a destinazione. Gli alloggi qui sono abbastanza cari ma chiedendo in giro potrai trovare delle soluzioni alternative. Noi siamo stati in uno chalet (così chiamano le case attrezzate con cucina da queste parti) 100 reais a notte.

 

A Galinhos ci sono due escursioni da fare, quella in bugy al pomeriggio e l'escursione in barca di mattina. Per l'escursione in barca chiedi del mitico "Junior Tiburao".

La sera vai a mangiare al ristorante "Frutos do Mar", ordina una moqueca (zuppa di pesce con polpo, gamberetti e pesce) è abbondante e squisita!! Abbiamo pagato 50 reais a testa, bevande escluse!!

Per rientrare a Natal ci vogliono 2/3 ore, 180km, in base al traffico.

 

Lungomare di Fortaleza

 

 

E così anche questo super viaggio è giunto al termine! Sono partito da Ushuaia in Argentina, chiamata "la fin del mundo" proprio perchè risulta essere la città più a sud del mondo, fino a Fortaleza in Brasile!! 10.000km!! Tanti ricordi, tante storie, tante emozioni.... in una sola parole: VITA!!

 

 

Ricorda sempre: essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare!! P.Neruda